Archivio febbraio 2011

Terapia 2011-A/1


Trascrizione della sessione di Terapia 2011-A/1.
I nomi dei pazienti sono stati censurati per motivi di riservatezza.

Sono presenti i Soggetti L, R, A. I pazienti hanno preso lo Mnemosyne, hanno scritto gli Spunti Mnemonici e li hanno raccolti in una ciotola al centro del tavolo.
 
Il Soggetto R consegna un penny al Soggetto L dicendo: “Ti aiuterò a ricordare”.

Ora il Soggetto L dispone di 2 penny: è il Viaggiatore. Legge la prima Domanda del Questionario: “Rievoca un ricordo piacevole.”

Pesca quindi uno Spunto Mnemonico, apre il foglietto e legge ad alta voce: “L’odore dell’erba appena falciata”
Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Trascrizione


Due donne e un uomo, tutti vestiti di tute bianche, siedono attorno ad un tavolo con una ciotola di penny al centro. Ognuno ha un mucchietto di penny e un modulo stampato. Davanti alla donna più vecchia c’è un foglietto su cui sono scritte le parole “una macchina per fare caramelle mou”.

“… e mio padre mi guardò e disse ‘se non vuoi salire sulle montagne russe non sei obbligata. Puoi aspettare qui al negozio di dolci mentre io e tuo fratello andiamo.’ ” dice la donna più vecchia. “Avevo paura”. E, mentre parla, il terrore che ricorda traspare dalla sua voce.

La sua espressione diventa improvvisamente vacua. Si volta verso l’uomo. “Che cosa ho detto o fatto allora?” gli chiede offrendo un penny.

L’uomo ci pensa per un momento con sguardo accigliato. Fissandola, risponde “Hai detto ‘No, voglio venire con voi.’ ”

Lei si volta verso la donna più giovane. “Oppure…” comincia a dire offrendo lo stesso penny.

“Sei rimasta lì nel negozio a masticare il tuo dolce” dice l’altra donna.

Lei si ferma prima di parlare di nuovo. “Sì, ora ricordo. Dissi ‘No, voglio venire con voi.’ ” Passa il penny all’uomo. “E mi divertii moltissimo. Fu elettrizzante, meraviglioso. Fu allora che seppi cos’avrei voluto fare nella mia vita. E questo è quel che ricordo.”

Sorride mentre scrive sul suo foglio “Quando penso a una macchina per fare caramelle mou, mi ricordo come ho scoperto cos’avrei voluto fare nella vita. Non avevo mai sentito tanto intensamente un obiettivo”. Dopo aver finito, prende un penny dalla ciotola.

Un penny per i miei pensieri.”

Nessun commento